Google Drive: correggere automaticamente le verifiche!

Share

correggere

Abbiamo recentemente pubblicato un articolo su come utilizzare Google Moduli per somministrare delle verifiche. Come annunciato, questo articolo di occuperà di come correggere “automaticamente” le risposte inserite.

Partiamo dalla considerazione che il tempo che serve per correggere una verifica – specialmente una verifica a risposta multipla – è tempo perso che nulla ha a che fare con l’insegnamento o la didattica. Proviamo a quantificarlo: ipotizzando di avere una classe di 25 studenti e di impiegare mediamente 4 minuti per correggere ogni verifica (è una stima per difetto!) significa che, per ogni classe, per ogni verifica e per ogni materia, bruciamo 1 ora e 40 minuti. Quante verifiche facciamo per ogni classe? Ipotizziamo (almeno) 4significa che, per ogni classe, sprechiamo quasi 7 ore a correggere verifiche. Quante classi abbiamo? Ipotizziamo 6 classi (anche qui per difetto).

25 studenti * 4 minuti * 5 verifiche * 6 classi = 3000 minuti

ossia

 circa 50 ore all’anno per correggere delle verifiche

Se questo numero impressionante fosse di una qualche utilità per la scuola o per i nostri studenti non ho dubbi che tutti i docenti sarebbero dispostissimi ad impiegare anche 100 ore per correggere MA questo tempo è assolutamente inutile ed è quindi giusto (anzi persino doveroso) cercare il sistema per ridurlo ed impiegare il tempo risparmiato a beneficio dei nostri allievi.

Coloro che decideranno di impiegare il nostro sistema per preparare, somministrare e correggere le verifiche avranno bisogno solo di 1 minuto per correggere tutte le verifiche di un’intera classe. Sia chiaro che questa non è una sparata pubblicitaria o qualcosa del genere ma solo l’esito di due anni di pratica.

Invece che 3000 minuti ne serviranno solo 20. In totale.

Per spiegare meglio come può essere costruita una verifica con Google Drive ne ho preparata una (eccola): un certo numero di lettori dell’articolo hanno deciso di provare a svolgerla: GRAZIE!

Come già detto è possibile fare in modo che Google Moduli memorizzi le risposte di ogni persona in una sorta di foglio Excel (che non si chiama Excel ma, con molta fantasia, Google Fogli). Ovviamente è stato così anche per la “verifica di prova”: il file è consultabile, in sola lettura, cliccando qui  (non sai cosa significa in sola lettura? L’abbiamo spiegato qui). Come potete osservare l’ultima riga è quella della mia compilazione: la useremo come chiave per correggere la verifica ossia consideriamo che sia quella giusta, rispetto alla quale le altre verranno confrontate.

[Naturalmente dal file messo online sono stati tolti i dati che potessero in qualche modo essere problematici per questioni di privacy.]

[E’ bene ricordare che fin qui sto parlando di verifiche ma è possibile benissimo immaginare che siano compiti a casa: per esempio delle domande di comprensione per un testo? Le risposte a degli esercizi di matematica? Grammatica inglese?]

Su un file di Google Fogli è possibile installare dei componenti aggiuntivi che permettono di aggiungere delle funzionalità. Per il nostro scopo, ossia quello di correggere le risposte raccolte attraverso Google Moduli, è perfetto un componente chiamato Flubaroo.

Installarlo è molto semplice:

  1. cliccate su Componenti aggiuntivi
  2. selezionate Installa componenti aggiuntivi
  3. si aprirà una schermata: nella casella di ricerca in alto a destra inserire la scritta flubaroo
  4. cliccate sul risultato della ricerca e seguite le istruzioni per procedere all’installazione

correggere

A questo punto avete installato Flubaroo nel vostro Fogli. Da ora in poi dovrete preoccuparvi solo di attivarlo e non sarà più necessario installarlo.

Anche in questo caso il fatto di lavorare in un cloud costituisce un grande vantaggio: ritroverete sempre tutti i vostri strumenti (quindi anche Flubaroo) e tutti i vostri file (quindi anche le vostre verifiche/compiti) a prescindere dal computer che utilizzerete.

A questo punto facciamo una pausa: è necessario che si riesca a comprendere bene sia il meccanismo con cui Fogli immagazzina le risposte, sia come installare ed attivare Flubaroo (che, ripetiamolo, è il sistema di correzione automatica delle verifiche). Quando avremo fatto tutto ciò e saremo abbastanza sicuri di noi, potremo passare ad utilizzare Flubaroo: questo sarà l’argomento del prossimo articolo (che pubblicheremo a brevissimo!)


Noi di Grimpo! ci occupiamo di formazione alla didattica digitale e quindi ci rivolgiamo sia ai docenti che a classi di studenti. Accompagnamo verso i grandi oceani che la didattica tech crea.
Ecco la guida per imparare a farlo!


Vuoi un corso? Pensi che la tua scuola possa avere dei benefici dal nostro intervento? Ti interessa (magari con qualche tuo collega) un webinar? Contattaci!

Codice di sicurezza:
security code
Inserire un codice di sicurezza.:

INVIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *