Fundraising per RSA: un’opportunità da non perdere!

Share

fundraising-campaign-header-670x225

Il fundraising per RSA è uno strumento che, nel nostro Paese, non viene sufficientemente implementato nonostante abbia delle grandi potenzialità confermate dai (pochi) casi pratici: ecco i risultati della nostra analisi

Premettendo che nel nostro Paese, relativamente alle strutture di tipo sanitario ed in particolare alle RSA, non è semplice reperire dati sulle attività di fundraising (e questo fatto già costituisce un indicatore di quanta strada sia ancora necessario fare … e di come quindi non ci sia per ora una vera e propria concorrenza) in uno studio del 2012 si evidenzia come solo il 5% delle strutture ospedaliere hanno una qualche forma di fundraising, spesso solo quella della promozione del 5X1000 (negli USA tutte fanno fundraising e nel Regno Unito, che ha un’impostazione del sistema sanitario più simile alla nostra, si arriva al 40%).
In un altro studio che compara i dati di 10 RSA si ricava un dato interessante sul peso percentuale dei ricavi da fundraising rispetto ai ricavi totali. Si va da un minimo dello 0,02% ad un massimo del 4,42%; la media è dell’1,42%.
La struttura che ha raggiunto il massimo (4,42%) era l’unica ad avere un piccolo ufficio di fundrasing.

Se si ipotizza un bilancio di 15 milioni di € si ricava una proiezione che vale più di 660.000 €.

E’ importante inoltre sottolineare come il dato economico, seppure assolutamente fondamentale, non esaurisce l’aumento di valore generato da una seria politica di fundraising per RSA (specialmente nel mondo delle RSA). Gli effetti di un piano articolato di fundraising si dipanano anche e indicativamente, sulle seguenti direttrici:

  • Raccolta di beni/servizi: non vengono donati solo soldi ma anche, da parte di aziende, appunto beni o servizi
  • Raccolta di disponibilità: i singoli donano quanto di più importante hanno ossia il tempo diventando, per esempio, volontari (non solo nelle corsie ma, per esempio, anche in altri ambiti come il fundraising)
  • Migliore “radicamento” nella dimensione comunitaria di appartenenza
  • “Disseminazione” (e successiva raccolta) di opportunità che si generano dallo scambio con i donatori
  • Creazione di un “rete” solida e strutturata
  • Miglioramento dell’organizzazione interna

La gestione del fundraising in una RSA, in senso professionale, si attua utilizzando come strumento assolutamente centrale un database ed un CRM del fundraising.

Si tratta di strumenti software che supportano nella gestione delle relazioni e dei contatti con i donatori. Sono strumenti mutuati dal mondo profit che permettono di implementare il database dei donatori. Nel mondo profit il corrispettivo database dei clienti assume per le aziende un’importanza così alta che viene spesso valorizzato (in €) all’interno della sezione patrimoniale del bilancio. In questo senso l’azione di fundraising produrrebbe anche il database dei donatori inteso come valore patrimoniale che, nel corso degli anni, andrebbe aumentando.

Il fundraising per RSA operativamente

Esistono differenti modalità di fundraising per RSA che è possibile attuare relativamente al destinatario dell’azione:

  • il corporate fundraising ossia quello rivolto alle aziende
  • il fundraising rivolto ai singoli individui
  • il fundraising legato ai lasciti testamentari

E’ chiaro che è importante lavorare in ognuna di queste direzioni ma appare evidente che una RSA può decidere di investire con particolare attenzione sull’ultima tipologia.

E’ importante sottolineare come il fundraising per le RSA in termini di strumenti operativi di lavoro, ossia di “come si fa”, di quali sono praticamente le iniziative che si intraprenderanno, dispone di una vasta gamma di possibilità che vanno ponderate e tarate in base alla situazione, all’evento, al target.
Il mailing, gli eventi, il 5X1000, il web, il face to face, i testimonial etc.
Davvero risulta, in questa sede, impossibile produrre un elenco esaustivo; si evidenzia come esista ormai un’ampia letteratura in proposito (anche mutuata da esperienze estere contestualizzate nel nostro Paese).

La nostra azione di fundraising risulta essere così indicativamente strutturata:

  • studio dell’esistente in termini di posizionamento sul mercato dell’RSA e di studio del target
  • analisi delle possibilità di sviluppo delle azioni di fundraising
  • stesura di un piano strategico
  • implementazione delle azioni previste e di management di tale piano
  • costante analisi dei risultati delle azioni
  • formazione del personale

Per avere ulteriori informazioni sul Fundraising per RSA e un primo contatto gratuito, contattaci cliccando qui oppure utilizzando la seguente form:

Codice di sicurezza:
security code
Inserire un codice di sicurezza.:

INVIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *