Presentazioni favolose con Google: ecco come!

Share

Non è giusto nasconderselo: in quest’epoca di immagini e connessioni, anche a scuola, è importante saper confezionare bene il proprio messaggio affinché possa diventare efficace. Google Presentazioni, quando usato correttamente e con consapevolezza, è un alleato davvero insostituibile.

[Sei capace, vero di utilizzare Google Drive? No?! Vuoi imparare? Clicca qui!]

“La narrazione è uno dei modi con cui ci colleghiamo con le altre persone, permettendoci di condividere le nostre speranze e i nostri sogni, le nostre paure e le nostre preoccupazioni insomma le nostre esperienze” afferma L. Grace. Le presentazioni  allora diventano un’opportunità per mostrare (e spiegare meglio) un argomento oltre che raccontare una storia.
Bisogna sempre considerare che il modo con cui si struttura una presentazione influenza il modo in cui le persone ricevono la tua prospettiva e quindi il modo in cui gli allievi ricevono la tua spiegazione. Vogliamo quindi esplorare alcuni suggerimenti per creare presentazioni belle ed efficaci con Google Presentazioni.

Suggerimento #1

Sembrerebbe che sia più difficile elaborare informazioni quando queste ci vengono presentate contemporaneamente sia in forma verbale che in forma scritta. Per questo, nelle nostre presentazioni, dovremmo evitare elenchi puntati e numerati troppo lunghi, fiumi di testo e il trionfo di animazioni e transizioni. Dovremmo piuttosto concentrarci maggiormente sull’uso di grafici che, allineandosi alla storia che raccontiamo, possano sottolineare i passaggi più importanti.

Suggerimento #2

Le immagini dovrebbero contenere la storia all’interno di un telaio. Questo è un buon consiglio quando  quando si selezionano le immagini da inserire nella tua narrazione e nella tua presentazione con Google Presentazioni. Una volta che hai creato una storia affascinante infatti hai bisogno di immagini che illustrano meglio ogni idea e ogni concetto.
Ricorda: più semplice è l’immagine, più impatto avrà sui tuoi alunni.

Ecco alcuni modi per aggiungere le foto a una singola diapositiva di Google Presentazioni:

È possibile inserire la propria immagine in questi modi:

  • con una fotografia scattata con un dispositivo dotato di una telecamera
  • Incollare l’URL (indirizzo web) di un’immagine che hai trovato online, nei tuoi album o su Google Drive
  • approfittare della ricerca di immagini di Google (si noti che i risultati mostrati sono etichettati per il riutilizzo commerciale con modifica)

Puoi anche contare su repository di immagini gratuite, come quelle riportate di seguito, per trovare immagini rilevanti e mozzafiato. Ecco i miei primi tre siti di ricerca di immagini:

Suggerimento #3

Sei a corto di fantasia per il tema della tua Google Presentazioni? Prendi spunto (e template) da questo sito!


Quello che abbiamo presentato in questo articolo è uno degli interessanti strumenti che è possibile utilizzare per fare (davvero) Didattica digitale. Noi crediamo che questa sia una strada da conoscere ed utilizzare consapevolmente. Non possiamo infatti ignorare le potenzialità degli strumenti che sono oggi disponibili (per esempio sono ottimi per gli allievi con DSA), le difficoltà tecniche che spesso le scuole hanno e nemmeno possiamo rassegnarci a farci portare dalla corrente.
Per queste ragioni, da insegnanti, abbiamo preparato un Manuale Operativo di Didattica Digitale che ti permetterà in breve tempo e con strumenti gratuiti di mettere in piedi un approccio digitale alla didattica senza perdere il controllo su quello che accade dotandosi di una gamma di strumenti efficaci per aprire nuove vie di apprendimento per i tuoi alunni.

€4.95 – Scarica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *